Autostima e fiducia nelle proprie capacità

L’attività professionale è fonte di reddito e di sicurezza, ma contribuisce anche allo sviluppo personale, conferisce uno status sociale, un’identità e favorisce il senso di autorealizzazione. Il lavoro è quindi una componente importante nella vita di una persona e come tale ha un’influenza sul benessere. Quando il lavoro è fonte di soddisfazione, può favorire la salute, se invece è motivo di preoccupazione e stress può arrivare a pregiudicare il benessere. 

 

Chi ha un’attività professionale trascorre al lavoro gran parte del tempo. Spesso è un luogo d’incontro, di confronto e di scambio, un posto in cui crescere e coltivare relazioni sociali. Il più delle volte, l’attività professionale scandisce la settimana, conferendo una struttura e una routine alla giornata. Quando il lavoro è una risorsa, rappresenta un elemento significativo per l’autostima e la fiducia in sé. Per questo, quando si perde il lavoro, è possibile che si arrivi a provare un senso di “vuoto” e di inutilità, a sentirsi disorientati e chiedersi quale sia il proprio ruolo nella società. La persistenza di questi sentimenti, soprattutto se la ricerca di un nuovo impiego richiede tempo, può condurre ad una perdita di fiducia in sé e nelle proprie capacità e minare l’autostima. Inoltre, la frustrazione e lo scoraggiamento per gli eventuali rifiuti o per la mancanza di risposte possono turbare l’umore e ridurre la motivazione. Provare questi sentimenti è comune, ma non vanno sottovalutati: è importante prestare attenzione a ciò che si prova e parlarne con qualcuno di cui ci si fida e/o con un/a professionista, come ad esempio il proprio medico di famiglia, che può fornire sostegno, se del caso indirizzando verso uno specialista, per trovare una via d’uscita dal blocco emozionale in cui ci si trova.

In un periodo di difficoltà, è importante cercare di mantenere e coltivare attivamente l’autostima e la fiducia in sé, ad esempio dedicandosi ad attività che permettono di impiegare le proprie conoscenze e competenze, come il volontariato. Questo avrà anche il vantaggio di favorire o conservare i contatti con altre persone.

Leggi anche

Disoccupazione dopo i 50 anni

Dopo i 50 anni una persona vanta spesso una grande esperienza e approfondite conoscenze della sua...


Gestire la paura

La paura è normale e utile perché ci protegge dai pericoli e favorisce una reazione. Per contro, se...


Disoccupazione e disagio psichico

La mancanza di lavoro e la disoccupazione possono essere destabilizzanti per chiunque e portare a...


Perdita del lavoro e stigmatizzazione

Nella nostra società, le persone si definiscono spesso attraverso il proprio lavoro, poiché esso...


Prendersi cura di sé

Per prendersi cura di sé… •    cercare di arginare i pensieri di ansia e paura affinché non...


Giovani e disoccupazione

Scegliere un mestiere, ottenere un posto di apprendistato, iniziare un percorso di studi e trovare...


Prendersi cura della propria salute fisica

Muoversi e praticare regolarmente dell’attività fisica, prediligere un’alimentazione variata ed...


Ruolo dei professionisti

I professionisti che accompagnano persone in cerca di lavoro svolgono un ruolo importante anche...


Informarsi

Trovare il giusto equilibrio per  tenersi informati... ... senza essere sommersi o sentirsi...


Ticino

Qui di seguito trovate tutte le nostre risorse per il Canton Ticino.


Top