Comportamenti a rischio durante un periodo di disoccupazione

A volte, la perdita del lavoro può favorire l’adozione di comportamenti a rischio, come il gioco d’azzardo, il consumo di tabacco, alcol e altre sostanze psicoattive, talvolta senza quasi rendersene conto. L’aumento può essere dovuto alla noia, ma a volte il consumo diventa uno strumento per affrontare le difficoltà, dimenticare i problemi e il proprio malessere. Tuttavia, è una strategia che non aiuta a risolvere problemi, anzi, a lungo termine porta ad un ulteriore peggioramento della propria condizione. 

 

È possibile che durante un periodo di disoccupazione i comportamenti a rischio aumentino. Alcune persone sono tentate di affrontare i problemi di sonno, i dolori cronici, l’ansia, la solitudine o altre difficoltà con il consumo di sostanze o il gioco d’azzardo. Tuttavia, questi comportamenti non aiutano a risolvere le difficoltà, anzi, creano ulteriori problemi e provocano malessere, innescando un circolo vizioso.

Il consumo eccessivo di sostanze psicoattive o il gioco d’azzardo patologico rappresentano dei rischi per la salute e comportano una riduzione della qualità di vita, con conseguenze anche gravi:

  • a livello fisico: dipendenza, disturbi del sonno, palpitazioni, infortuni dovuti a cadute, malattie croniche, diminuzione delle capacità funzionali;
  • a livello psichico: disturbi cognitivi (disturbi della memoria e della capacità di risolvere i problemi), aggressività, ansia, depressione, demenza; 
  • a livello sociale: isolamento, conflitti e rottura di legami sociali e familiari, difficoltà finanziarie, indebitamento. 

È importante riconoscere fin da subito i comportamenti che possono compromettere la propria salute e cercare di prendersi cura di sé attivamente, magari con l’aiuto di una persona di fiducia. Ad esempio prendendosi cura della propria salute mentale, coltivando l’autostima e la fiducia nelle proprie capacità, mantenendo i contatti con la famiglia e gli amici o prendendosi cura della propria salute fisica.

 

Alcol: quanto è troppo?    

La maggior parte delle persone ha un consumo di alcol a basso rischio (1 bicchiere standard al giorno, non tutti i giorni), inserito in un contesto sociale e di convivialità. Il consumo di alcol diventa invece problematico quando: 

  • si consuma una quantità elevata in un lasso di tempo breve (4 o più bicchieri standard per le donne, 5 o più bicchieri per gli uomini);
  • si consuma regolarmente più di 4 bicchieri standard per gli uomini e più di due per le donne (consumo cronico); 
  • si consuma in situazioni inappropriate (per esempio prima di guidare o se si assumono farmaci).

È importante ricordare che la combinazione di alcol e farmaci può avere effetti avversi, per questo si consiglia di informare il medico e il farmacista riguardo al proprio consumo di alcol nel caso di prescrizione o assunzione di un farmaco. 

 

Farmaci: quando prestare attenzione?

I farmaci possono rappresentare un rischio per la salute se vengono consumati senza prescrizione medica, per motivi ricreativi e/o oltre la durata e la quantità prescritte, in particolare se si tratta di: 

  • sonniferi;
  • tranquillanti; 
  • antidepressivi;
  •  antidolorifici.

 

Gioco d’azzardo: un confine sottile tra svago e dipendenza

Il gioco d’azzardo può diventare un problema serio per alcune persone. Quando il gioco prende sempre più spazio nella vita di una persona, tanto da arrivare a trascurare altre attività che prima erano importanti e ad avere un impatto negativo su vari ambiti della vita, occorre riconoscere questa tendenza e parlarne con qualcuno di cui ci si fida. Oltre al disagio personale, il gioco d’azzardo eccessivo può avere conseguenze finanziarie gravi. 

Per evitare di perdere il controllo, è importante stabilire dei limiti:

  • di tempo (durata fissata in anticipo, pause frequenti);
  • di denaro (portare con sé unicamente contanti, non chiedere prestiti per giocare e tenere traccia delle proprie vincite e delle proprie perdite).

Anche nel caso del gioco d’azzardo online, è opportuno fissare i limiti prima di iniziare la partita e abbandonare il gioco appena uno dei limiti è stato raggiunto.

Risorse

Se si ha la sensazione che il consumo di alcol e/o di altre sostanze o il gioco d’azzardo stiano prendendo sempre più spazio nella propria vita o nella vita di un proprio caro, è possibile chiedere aiuto e sostegno. Esistono vari enti e servizi che possono fornire informazioni, consigli e aiuto concreto. 

Associazione Svizzera non fumatori: smettere di fumare – metodi e consigli per dire basta al tabacco 

Dipendenze Svizzera: informazioni sul consumo di alcol 

Ingrado – Servizi per le dipendenze: consulenza, terapia, sostegno e progetti d’integrazione

Linea Stop Tabacco: informazioni e colloqui di consulenza per smettere di fumare al numero 0848 000 181

SafeZone: piattaforma di consulenza online sulle dipendenze 

Stop Smoking: aiuto e consigli per smettere di fumare 

Che si tratti del proprio consumo o di quello di una persona cara, è possibile trovare varie informazioni, parlarne con il proprio medico di famiglia o rivolgersi ad un servizio specializzato: 

Ticino Addiction – Associazione professionisti per le dipendenze

Lega polmonare ticinese: prevenzione e promozione della salute polmonare

Gruppo Azzardo Ticino - Prevenzione: come intervenire

Servizio di promozione e valutazione sanitaria del Cantone Ticino: progetti, materiale informativo, dati e studi sul tema "alcol e tabacco"

Leggi anche

Ruolo dei professionisti

I professionisti che accompagnano persone in cerca di lavoro svolgono un ruolo importante anche...


Ticino

Qui di seguito trovate tutte le nostre risorse per il Canton Ticino.


Comportamenti a rischio durante un periodo di disoccupazione

A volte, la perdita del lavoro può favorire l’adozione di comportamenti a rischio, come il gioco...


Prendersi cura della propria salute fisica

Muoversi e praticare regolarmente dell’attività fisica, prediligere un’alimentazione variata ed...


Disoccupazione e disagio psichico

La mancanza di lavoro e la disoccupazione possono essere destabilizzanti per chiunque e portare a...


Giovani e disoccupazione

Scegliere un mestiere, ottenere un posto di apprendistato, iniziare un percorso di studi e trovare...


Risorse per i professionisti

Anche per i professionisti, esistono diverse risorse e non bisogna esitare a ricorrervi.   


Disoccupazione dopo i 50 anni

Dopo i 50 anni una persona vanta spesso una grande esperienza e approfondite conoscenze della sua...


Lavoro e stigmatizzazione

Nella nostra società, le persone si definiscono spesso attraverso il proprio lavoro, poiché esso...


Autostima e fiducia nelle proprie capacità

L’attività professionale è fonte di reddito e di sicurezza, ma contribuisce anche allo sviluppo...


Top