Tempo per sé e per la coppia

Il bambino piccolo è al centro dell'attenzione dei genitori, ai quali è richiesta molta energia. A ciò si aggiungono le varie incombenze della vita quotidiana, come il lavoro e le faccende domestiche. Risulta difficile ritagliarsi dei momenti per sé o per la coppia, cosa che potrebbe influenzare il benessere e la salute mentale.  

 

Momenti per sé 

I cambiamenti legati alla nascita e ai primi anni di vita di un bambino (si veda anche il capitolo «Diventare genitori») hanno un impatto considerevole su vari aspetti della vita di tutti i giorni (si veda anche il capitolo «Organizzazione familiare»). L'energia è destinata principalmente alla cura del bambino e alla gestione della quotidianità. Può quindi risultare difficile dedicarsi a certe attività piacevoli come si faceva prima della nascita del bambino, come praticare dello sport, le uscite con gli amici o la lettura di un libro. Questo potrebbe contribuire a creare sentimenti di frustrazione o tristezza, pur provando gioia nell’essere genitore. Sentirsi in questo modo è comprensibile e comune a molti genitori. Se si vive in una relazione, può essere utile parlarne con il partner e riflettere insieme sulle possibilità e la fattibilità di riprendere o mantenere delle attività personali che aiutano a stare bene. Forse un familiare, un/a amico/a o un vicino di casa fidato sarebbe felice di occuparsi del bambino per permettere ai genitori di prendersi un po’ di tempo per sé o per la coppia. In ogni Cantone esistono anche vari servizi di babysitting. Prendersi del tempo per sé è importante per il proprio benessere e la propria salute mentale, ma è anche nell'interesse del bambino.


Dialogo e tempo per la coppia

La nascita di un figlio comporta importanti cambiamenti nella vita di coppia. Infatti, non solo essa si ritrova ad avere meno tempo per attività comuni, ma si modificano anche i ruoli al suo interno: al ruolo di partner affettivo, sessuale, intellettuale, si aggiunge quello di genitore. Entrambi i partner hanno delle aspettative nei confronti del ruolo di genitore dell’altro partner. Si tratta di una fase delicata ed emotivamente intensa per la coppia. Alcuni studi dimostrano che mediamente sono necessari 2 anni dalla nascita del bambino per ritrovare un certo equilibrio. Ma si tratta di una media, alcune coppie impiegheranno 6 mesi, altre anche 4 o 5 anni. Essere consapevoli dell’esistenza di questo periodo di assestamento aiuta a viverlo più serenamente. Può essere di grande aiuto confidare al partner i propri sentimenti di scoraggiamento, ma è anche sempre possibile parlare con dei professionisti, come l'ostetricao l'infermiera materno-pediatrica, il medico di famiglia o uno/a specialista.

Dedicare del tempo alla coppia non significa necessariamente condividere una moltitudine di lunghi momenti insieme, ma averne di qualità. Il dialogo è una risorsa fondamentale a disposizione della coppia. Parlare dei propri sentimenti non è facile, ognuno fa del suo meglio. 

È anche sempre possibile chiedere aiuto ad una persona di fiducia o ai servizi di babysitting per riuscire a ritagliarsi un po’ di tempo per la coppia. Se il costo del babysitting rappresenta un ostacolo, si può provare a segnalare la difficoltà al servizio per cercare una soluzione adatta al proprio budget. Qui potete anche verificare le possibilità di sostegno finanziario per le famiglie.


Se la coppia si divide

A volte succede che una coppia prenda la decisione di separarsi poco prima o dopo la nascita del bambino. Anche se la relazione affettiva finisce, la coppia genitoriale resterà per tutta la vita. In questo caso, entrambi i genitori si ritroveranno non solo a far fronte ai cambiamenti dovuti alla nascita del bambino e ad imparare a fare il genitore, ma anche a gestire le conseguenze della separazione. Questo può rappresentare un periodo particolarmente intenso e difficile dal punto di vista emotivo. Professionisti come il medico di famiglia, lo/a psicologo/a, lo/a psichiatra, nonché i servizi di consulenza o gli specialisti di mediazione familiare possono fornire un grande aiuto.

Saperne di più

Dipartimento della sanità e della socialità del Cantone Ticino, Infofamiglie «Dopo la nascita» 

Dipartimento della sanità e della socialità del Cantone Ticino, Ufficio del sostegno a enti e attività per le famiglie e i giovani 

Leggi anche

Tempo per sé e per la coppia

Il bambino piccolo è al centro dell'attenzione dei genitori, ai quali è richiesta molta...


Diventare genitore con la procreazione medicalmente assistita (PMA) o l'adozione

Purtroppo, il desiderio di avere un figlio non sempre si avvera, o si avvera in modi diversi da...


Depressione post-parto, burnout genitoriale, sindrome del bambino scosso

Diventare genitori comporta dei cambiamenti importanti, talvolta fonte di tensioni e stress. Capita...


Quando il bambino non arriva

I problemi di fertilità sono una realtà per molte persone, poiché riguardano tra il 10 e il 15% di...


L’organizzazione familiare: una vera sfida

L’organizzazione della vita familiare con uno o più figli piccoli è una vera sfida per i genitori....


Genitori di bambini piccoli: un lavoro impegnativo, a tempo pieno!

La crescita e lo sviluppo di un bambino piccolo racchiudono molteplici scoperte e momenti di...


Diventare genitori

Diventare genitori rappresenta per molti l’inizio di un nuovo e travolgente capitolo della propria...


Genitorialità: tra scelta personale e pressione sociale

Diventare genitori è innanzitutto una scelta individuale. Eppure l’aspettativa sociale del “mettere...


Genitorialità e salute mentale - Introduzione

Genitorialità e salute mentale: una rubrica ricca di informazioni, consigli e risorse


A ciascuno la sua famiglia

Essere padre o madre è un ruolo che si impara man mano, con i propri punti di forza e le proprie...


Top